il sito dedicato alla cedolare secca sugli affitti

Omesso o tardivo invio della raccomandata

cedolare secca


Come si deve comportare il locatore in caso di omesso o tardivo invio della raccomandata all'inquilino per la comunicazione dell'opzione per la cedolare secca da parte del locatore.

In base alle disposizioni normative, il locatore ha l'obbligo di comunicare all'inquilino, tramite lettera raccomandata, l'opzione per la cedolare secca sui canoni di locazione ad uso abitativo, pena l'inefficacia della scelta per tale sistema di tassazione forfetaria.

Il provvedimento del 7 aprile 2011 del Direttore dell’Agenzia delle Entrate (Prot. 2011/55394) dispone:

Il locatore, ai sensi del comma 11 dell’articolo 3 del decreto legislativo 7 marzo 2011, n. 23, è tenuto, a pena dell’inefficacia dell’opzione, a comunicare preventivamente, con lettera raccomandata, al conduttore la rinuncia, per il periodo corrispondente alla durata dell’opzione, alla facoltà di chiedere l’aggiornamento del canone, anche se prevista nel contratto a qualsiasi titolo, inclusa la variazione accertata dall’ISTAT dell’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati verificatasi nell’anno precedente.

In tale raccomandata il locatore dichiara di rinunciare, per il periodo di durata dell'opzione, alla facoltà di chiedere qualsiasi aggiormanento del canone di locazione, incluso quello in base ai dati ISTAT, anche se contrattualmente previsto.

La comunicazione all'inquilino per il tramite di lettera raccomandata, in generale, deve essere inviata:

  1. prima della registrazione del contratto, ovvero
  2. prima del termine del versamento dell'imposta di registro prevista per le annualità contrattuali successive.

Nell'ipotesi in cui il locatore provveda a registrare il contratto di locazione con il modello previsto dalla normativa (dal 1° aprile 2014 con il modello RLI), esercitando in tale documento l'opzione per la cedolare secca, normalmente l'Ufficio finanziario chiede al locatore copia della lettera raccomandata trasmessa all'inquilino e pertanto il problema non si pone.

Nell'altra ipotesi in cui il locatore, invece, provveda a registrare direttamente o tramite terzi intermediari telematicamente il contratto di locazione soggetto a cedolare secca, senza inserire nel contratto stesso l'apposita clausola sopra evidenziata, ma omettendo l'invio della raccomandata prima della registrazione stessa (oppure provvedendo con invio tardivo della stessa oppure con raccomandata a mano), sorge il problema di come porre rimedio a tale omissione che ha natura sostanziale, in quanto, come abbiamo sopra sottolineato, l'opzione per la cedolare secca perde di efficacia.



L'autore

Giuseppe PolliGiuseppe Polli è libero professionista dal 1982, dottore commercialista, ed è il gestore del sito www.cedolaresecca.net, presente sulla Rete dal 2011. Questo dominio è stato il primo ed unico sito ad occuparsi in via esclusiva della tassazione sostitutiva all'IRPEF sui redditi di locazione per uso abitativo, meglio conosciuta con il nome di cedolare secca.

I clienti dello studio possono chiamarmi telefonicamente al numero ☎ 333 9031308

Le informazioni contenute nel presente articolo sono state predisposte da Studio Polli come ulteriore servizio reso ai nostri clienti. Esse costituiscono solo una introduzione generale alla materia e pertanto si raccomanda di richiedere un parere riferito al concreto caso di specie prima di prendere qualsiavoglia provvedimento basato sulle informazioni qui contenute. Studio Polli declina ogni responsabilità da eventuali provvedimenti presi o non presi sulla base di quanto riportato nel presente articolo.



Argomenti correlati alla raccomandata

La raccomandata da parte del locatore per confermare l'opzione per la cedolare secca... informazioni.

L'alternativa all'invio della raccomandata da parte del locatore è l'inserimento di un'apposita clausola nel contratto di locazione, per maggiori informazioni.

Facsimile di lettera raccomandata come prima opzione per la cedolare secca.

area riservata Il testo completo di questo articolo può essere letto e stampato in Area riservata.