Contratto di locazione week-end
con cedolare secca


Contratto week end

I tempi della villeggiatura si sono ridotti in maniera considerevole negli ultimi anni, anzi si potrebbe affermare che è quasi diventato fuori moda affittare una casa per i tradizionali periodi mensili o stagionali. L'associazione dei proprietari di case, Confedilizia, ha messo a punto una formula contrattuale che ha trovato larga diffusione negli ultimi anni data la sua flessibilità, parliamo del cosiddetto "contratto week-end".

Il contratto di locazione week-end è predisposto per la locazione di case per singoli fine settimana. Non sussiste alcun obbligo di registrazione né di denuncia della locazione all'autorità di Pubblica sicurezza ( a meno che non si tratti di cittadini extracomunitari, in questo caso la comunicazione va fatta entro le 48 ore).

Unica incombenza l'apposizione di una marca da bollo ogni quattro facciate del contratto (onere a carico di entrambe le parti, salvo diversa pattuizione). Essa non è necessaria nell'ipotesi in cui il locatore eserciti l'opzione per la cedolare secca in sede di dichiarazione dei redditi.

Attraverso la predisposizione di questo schema tipo si prende atto di una scelta ormai consolidata nel panorama dell'offerta turistica. Infatti sempre più turisti del week-end vedono in questa formula una valida alternativa all'albergo o al bed and breakfast. Le zone maggiormente interessate dal fenomeno sono le località turistiche del Nord Italia, con in testa la Liguria, in modo particolare nella zona delle Cinque Terre, e la Toscana, dove si sta diffondendo la tendenza a prendere in affitto per il fine settimana casolari di campagna.

Ecco i contenuti che dovrebbero essere inseriti nel contratto week-end:

  1. il canone di locazione è libero in quanto il contratto è disciplinato solo dalle norme del Codice civile;
  2. la durata va indicata dal venerdì pomeriggio al lunedì mattina;
  3. le spese di fornitura di gas, luce, acqua vanno indicate in misura forfetaria ed incluse nel canone di locazione;
  4. il locatore non può assicurare all'inquilino nessuna prestazione o servizio aggiuntivo alla pura locazine dell'immobile;
  5. si deve escludere il lavaggio, lo stiraggio ed in genere la manutenzione della biancheria da letto o da bagno se fornita all'inquilino;
  6. non deve essere presente la prestazione relativa al riassetto dei locali e alla pulizia finale da parte del locatore;
  7. non deve essere presente la possibilità di fornire pasti, bevande, prime colazioni o altre somministrazioni;
  8. il locatore deve escludere di assicurare la propria presenza fisica presso l'immobile o nelle immediate vicinanze;
  9. si deve confermare la possibilità di accesso del locatore all'immobile in qualsiasi momento previo congruo avviso al conduttore;




icona verdeLe caratteristiche generali dei contratti di locazione uso turistico.

omino rossoApprofondisci i contratti per uso turistico.