il sito dedicato alla cedolare secca sugli affitti

Le pertinenze

cedolare secca


Le condizioni per assoggettare a cedolare secca anche le pertinenze delle unità immobiliari locate per uso abitativo.

Come previsto dall'articolo 3, comma 2, del D.Lgs. n. 23 del 2011, il canone delle locazioni di immobili concessi per uso abitativo può essere assoggettato alla cedolare secca e tale imposizione fiscale può essere applicata anche alle pertinenze locate congiuntamente all'abitazione.

Tra le pertinenze di un'unità immobiliare per uso abitativo sono incluse, ad esempio, quelle classificate o classificabili nelle categorie catastali del gruppo C (rimesse, autorimesse, magazzini e locali di depositio ecc.) a condizione che siano utilizzate in modo durevole a servizio dell'abitazione concessa in locazione.

Le disposizioni normative di cui al D.Lgs. n. 23/2011 non prevedono alcuna limitazione al numero di pertinenze per le quali è possibile avvalersi della cedolare secca, quindi, ad esempio, se un contratto prevede la locazione per uso abitativo di un appartamento, del relativo garage e cantina (due pertinenze), il canone potrà essere assoggettato a cedolare secca da parte del locatore.

Il tema delle pertinenze è stato anche affrontato nella Circolare n. 26/e del 1° giugno 2011 in cui si dispone che il regime di tassazione sostitutiva può essere applicato anche per le pertinenze locate con un contratto separato e successivo rispetto a quello relativo all'immobile abitativo. Si devono però rispettare alcune precise condizioni:

  • il contratto di locazione deve intercorrere tra le stesse parti contraenti;
  • il contratto di locazione della pertinenza deve fare esplicito riferimento a quello dell'immobile abitativo;
  • il contratto di locazione della pertinenza deve evidenziare anche il vincolo pertinenziale con l'unità abitativa locata.

Quanto alle pertinenze, esse sono unità immobiliari del gruppo C e, per poter essere assoggettate alla cedolare secca se locate, devono essere effettivamente utilizzate in modo durevole a servizio dell'abitazione del gruppo A, come sopra indicato, locata con l'opzione per la cedolare secca. Per queste unità immobiliari è sempre possibile esercitare l'opzione per la cedolare secca allla condizione purché ci sia, come sopra precisato, un riferimento all'unità immobiliare del gruppo A e che le stesse si pongano al servizio dell'abitazione locata.

 

 matita L'opzione per la cedolare secca non può essere riconosciuta sul canone relativo al contratto di locazione della sola pertinenza.