il sito dedicato alla cedolare secca sugli affitti

Registrazione del contratto

cedolare secca


modello RLIIl provvedimento delle Entrate del 10 gennaio 2014 ha approvato il modello "registrazione locazioni immobili" RLI che è andato a sostituire dal 3 febbraio 2014 i modelli 69, Siria, Iris e RR per le registrazioni, le proroghe, le cessioni e le risoluzioni dei contratti di locazione di immobili, oltre che per esercitare l'opzione o la revoca della cedolare secca e per comunicare i dati catastali dell'immobile locato.

Il modello RLI ha di fatto sostituito quattro modelli e, a differenza del precedente adempimento, sarà obbligatorio, nella maggior parte dei casi, allegare una copia del contratto di locazione.

Si deve utilizzare il modello RLI, con decorrenza dal 3 febbraio 2014, per registrare i contratti di locazione ed affitto di immobili (terreni e fabbricati) nonché le eventuali proroghe, cessioni e risoluzioni.Lo stesso modello RLI deve essere utilizzato per optare o revocare il regime della cedolare secca.

Il modello RLI può essere presentato anche in forma cartacea direttamente oppure delegando una terza persona, allegando la fotocopia di un documento d'identità.

Modifiche in tema di registrazione del contratto di locazione

La Legge di stabilità per il 2016 ha modificato le norme relative alla registrazione dei contratti di locazione. Infatti, con il comma 59 è stato modificato l'articolo 13 della Legge 431/1998, prevedendo l'obbligo da parte del locatore di provvedere alla registrazione, entro il perentorio termine di trenta giorni, del contratto di locazione.

Per registrare il contratto di locazione entro 30 giorni dalla stipula o, se anteriore, dalla data di decorrenza del contratto il locatore deve, in alternativa:

  1. utilizzare i servizi telematici dell’Agenzia (modalità telematica);
  2. richiedere la registrazione in ufficio (modalità cartacea);
  3. incaricare un intermediario abilitato (professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc) (modalità telematica).

 matitaSono obbligati alla registrazione telematica i possessori di almeno dieci unità immobiliari, anche nell'ipotesi in cui debbano registrare la locazione di un solo immobile, e gli agenti di affari in mediazione.

La comunicazione al conduttore ed all'amministratore dell'eventuale condominio dell'avvenuta registrazione deve avvenire, sempre a cura del proprietario dell'immobile, entro e non oltre i successivi sessanta giorni dalla data di stipula del contratto.

Modalità telematica

RLI web consente di registrare i contratti di locazione, comunicare proroghe, cessioni e risoluzioni, esercitare o revocare l’opzione per la cedolare secca. Questo prodotto sostituisce gli altri prodotti web per la registrazione dei contratti di locazione e comunicazione degli adempimenti successivi (Locazioni web, Iris web, Siria web, Pagamenti registro web).

Per la registrazione in modalità telematica con RLI web è necessario allegare copia del contratto, in formato TIF, TFF o PDF/A. Non è obbligatorio allegare copia del contratto, in presenza di queste caratteristiche:

  1. locazione di tipo abitativo
  2. il contratto è stipulato tra persone fisiche che non agiscono nell’esercizio di un’impresa, arte o professione;
  3. un numero di locatori e di conduttori, rispettivamente, non superiore a tre;
  4. una sola unità abitativa ed un numero di pertinenze non superiore a tre;
  5. tutti gli immobili devono essere censiti con attribuzione di rendita;
  6. il contratto contiene esclusivamente la disciplina del rapporto di locazione e, pertanto, non comprende ulteriori pattuizioni.

Per accedere a RLI web clicca qui.

La novità più importante legata all'approvazione del modello RLI è costituita dall'obbligo di allegare, in un unico file in formato TIF, TIFF o Pdf/A (Pdf/A-1a o Pdf/A-1b) la copia del contratto sosttoscritto dalle parti e la copia di eventuali ulteriori documenti (mappe, planimetrie, scritture private, inventari).

L'allegazione del file è resa facoltativa in caso di contratto di locazione di immobile ad uso abitativo, privo di particolari clausole contrattuali e di allegati soggetti ad imposta di bollo, concluso al di fuori dell'attività di impresa o di lavoro autonomo (contratto non soggetto ad IVA), nell'ipotesi in cui il numero di locatori e conduttori non sia superiore a tre e gli immobili concessi in locazione per uso abitativo, comprese le pertinenze, non sia superiore a tre.



Modalità cartacea

Per registrare il contratto di locazione con cedolare secca in modalità cartacea, si deve presentare il contratto direttamente in qualsiasi Ufficio dell'Agenzia delle Entrate, predisponendo il modello RLI in forma cartacea, compilato in tutte le parti richieste.

 matita Esso può essere stampato dopo aver compilato tutte le parti richieste con il software RLI messo a disposizione dell'Agenzia delle Entrate a questo indirizzo. Non si rende necessario quindi l'acquisto né l'utilizzo di modelli editabili ma non salvabili.

L'autore

Giuseppe PolliGiuseppe Polli è libero professionista dal 1982, dottore commercialista, ed è il gestore del sito www.cedolaresecca.net, presente sulla Rete dal 2011. Questo dominio è stato il primo ed unico sito ad occuparsi in via esclusiva della tassazione sostitutiva all'IRPEF sui redditi di locazione per uso abitativo, meglio conosciuta con il nome di cedolare secca.

I clienti dello studio possono chiamarmi telefonicamente al numero ☎ 333 9031308

Le informazioni contenute nel presente articolo sono state predisposte da Studio Polli come ulteriore servizio reso ai nostri clienti. Esse costituiscono solo una introduzione generale alla materia e pertanto si raccomanda di richiedere un parere riferito al concreto caso di specie prima di prendere qualsiavoglia provvedimento basato sulle informazioni qui contenute. Studio Polli declina ogni responsabilità da eventuali provvedimenti presi o non presi sulla base di quanto riportato nel presente articolo.